All the winners of Sondrio Festival 2013

PREMI ASSEGNATI DALLA GIURIA INTERNAZIONALE
INTERNATIONAL JURY AWARDS

 


Primo Premio “Città di Sondrio” (Euro 5.000,00)
First Prize – “Town of Sondrio” Award (Euro 5.000,00)

a/for

LA PALUDE
THE MOOR

di/by Jan Haft – Produzione/Produced by Nautilusfilm – Germania/Germany  2012 – Durata: 50 min. - Area trattate/Featured areas: varie aree protette di palude, Repubblica Ceca, Germania, Svezia / Protected moorlands, Czech Republic, Germany, Sweden

Il team del film porta magia e mistero in ciò che spesso è considerata una risorsa naturale comune. Con una capacità cinematografica eccellente, impiega perfettamente una larga varietà di tecniche. time-lapse, rallenty, passaggi da sopra a sotto la superficie dell’acqua ci portano faccia a faccia con la realtà della palude. Ci mostrano il sublime nel semplice. Il messaggio ambientalista è forte senza essere sovrastante. Siamo onorati di riconoscere con il nostro primo premio questo lavoro artistico senza difetti e debolezze.

The team brings magic and mystery to what is often considered a mundane natural resource. Through superior cinematography, flawlessly executing a wide variety of techniques: time-lapses, slow-motion, transitions from above and below water brings us face to face with the reality of the moor. They show us the sublime in the simple. The environmental message is powerful yet not overbearing. Showing neither flaws nor weaknesses, we are honored to recognize this fine work of art as our first prize.

 


 

Premio Parco Nazionale dello Stelvio (Euro 3.000,00)
Stelvio National Park Award (Euro 3.000,00)

a/for

LA LEGGENDA DEL CANE SELVAGGIO
A WILD DOG’S TALE

di/by Joe Kennedy – Produzione/Produced by Table Mountain Films in coproduzione con/in co-production with Natural History Film Unit Botswana per/for National Geographic – Sudafrica / South Africa / Botswana 2012 – Area trattata/Featured area: Moremi Game Reserve, Botswana

Una sensibile e attenta squadra di produzione riconosce e afferra un’opportunità unica per raccontare una storia fuori dal comune. La loro dedizione e tenacia nello stare dentro questa sfida, ci dona uno sguardo e una prospettiva che sono stati raramente testimoniati. Valori produttivi al top, sia per le situazioni altamente drammatiche sia per i momenti più intimi, rendono questo film davvero speciale. Merita pienamente questo premio.

A sensitive and attentive production team recognized and seized a unique opportunity to tell a remarkable story. Their dedication and persistence to stay with this challenge gives us an insight and perspective that is rarely witnessed.  Top production values in both intimate and highly dramatic situations make this film a very special one. It much deserves to be awarded this prize.

 


 

Premio “Regione Lombardia” (Euro 3.000,00)
“Lombardy Region” Award (Euro 3.000,00)

per il miglior documentario sugli aspetti naturalistici, culturali, paesaggistici ed economici delle aree protette all’interno dell’Unione Europea
for the best documentary that highlights the aspects of nature, culture, landscape and economy in protected areas within the European Union

a/for

I PRATI DA FIENO – BIODIVERSITÀ E TRADIZIONE
Mountain hay meadows – hotspots of biodiversity and traditional culture
di/by Ágota Juhász – Produzione/Produced by László Demeter – Romania 2012 – Area trattata/Featured area: Muntii Ciucului (Sito Natura 2000/Natura 2000 Site), Carpazi orientali/Eastern Carpathians, Romania

Questo film autentico e profondamente legato alla terra unisce in modo forte una popolazione al territorio che ama. Il loro modo tradizionale di vivere con le opportunità e i limiti imposti dal loro ambiente, ci mostra che la sostenibilità dipende dai valori e dalle pratiche culturali e della tradizione. La loro dedizione ci ricorda che alcuni vecchi metodi sono ancora i migliori e meritano il nostro rispetto e sostegno. Per queste ragioni la giuria è onorata di assegnare il premio a “I prati da fieno”.

This authentic, down-to-earth film powerfully connects a people to the land they love. Their traditional way of living with the opportunities and limits imposed by their environment shows us that sustainability depends on traditional and cultural values and practices. Their dedication reminds us that some old ways are best and deserves our respect and support. For this the international jury is honored to present the Award to Mountain Hay Meadows.

 


 

MENZIONE SPECIALE
SPECIAL MENTION

a/for

UN LEOPARDO DIVERSO DAGLI ALTRI
The unlikely leopard
di/by Dereck e/and Beverly Joubert – Produzione/Produced by: Dereck e Beverly Joubert per/for National Geographic – Sudafrica/South Africa 2011 - Area trattata/Featured area: Moremi Game Reserve, Botswana

La giuria si sente in dovere di assegnare una menzione speciale al film “Un leopardo diverso dagli altri”. Questo forte concorrente ha impiegato un’alta capacità tecnica e un’eccellente narrazione per sfidare il pubblico a interrogarsi sul rapporto tra il nostro apprezzamento della bellezza e le realtà dello sfruttamento. Nel richiedere la nostra attenzione verso un serio dilemma di conservazione, questo lavoro ci mostra i pericoli dell’amare il leopardo fino alla morte.

The jury feels compelled to make a special mention for the film The Unlikely Leopard. This strong competitor used superior cinematography and excellent narration to challenge the audience to question the relationship between our appreciation of beauty and the realities of exploitation. For demanding our attention to a serious conservation dilemma, this work shows us the danger in loving the leopard to death.

 


 

PREMI SPECIALI
SPECIAL AWARDS

 

Il Comitato Scientifico del Festival ha proposto una selezione di cinque documentari in concorso sul tema dell’acqua per la visione e valutazione della Giuria degli Studenti
The Festival Scientific Committee proposed a selection of five documentaries in competition on the theme of water for viewing and evaluation by the Student Jury

Premio Giuria degli Studenti
Student Jury Award

a/for

AI CONFINI DELLA TERRA
THE ENDS OF THE EARTH
by John Grabowska – Produzione/Produced by John Grabowska, United States National Park Service – U.S.A. 2012 - Area trattata/Featured area: Katmai National Park, Aniakchak National Preserve, Alaska, U.S.A.

In considerazione delle bellissime immagini e riprese che immortalano stupendi paesaggi incontaminati e sconfinati;  dell’alternanza tra attualità e passato grazie alla visione di brevi filmati di epoche precedenti;  dei tratti di comicità nell’assistere all’ardua impresa degli orsi nel cacciare i salmoni.  Ma, soprattutto, riconoscendo il valore del messaggio e dell’avvertimento, espressi dal documentario, sulle possibili conseguenze provocate dai cambiamenti climatici causati anche dall’intervento dell'uomo in terre così remote.

In consideration of the very beautiful images and shots that immortalize uncontaminated and boundless breath-taking landscapes, of shots that alternate between the present and the past using the screening of short vintage films, of the comical aspect of observing the difficult undertaking of the bears while catching salmon.  But most of all, in recognition of the importance of the message and the warning presented by the film of the possible effects due to climate change, that were also caused by the intervention of humans even in such remote and faraway lands.

 


 

Premio della Giuria del Pubblico
Audience Jury Award

a/for

IL MIGLIORE DEI MONDI POSSIBILI
THE BEST OF WORLDS – LIFE AT ITS ALPINE LIMITS
di/by Marco Andreini e/and Paolo Fioratti – Produzione/Produced by Fioratti Editore – Italia/Italy 2012 – Area trattata/Featured area: Parco Nazionale del Gran Paradiso, Italia/Italy

Eccellente, per la grande perizia dimostrata dagli autori durante le riprese, quanto mai suggestive, e per la ricerca della perfezione persino nella presentazione dei dettagli.  Superlativo, perché illumina sapientemente sulle difficili condizioni di vita di animali e piante sulla catena delle Alpi, nonché sorprendentemente poetico perché, grazie alle emozionanti immagini relative al cambio delle stagioni e ad una coinvolgente colonna sonora, rappresenta una vera ascensione dell’anima alle paci solitarie.

This film is excellent for the superb skill demonstrated by the cameramen during the shooting.  It is more striking than ever in its  pursuit of perfection, even when presenting the finest details. The film is superlative because it highlights, with great know-how, the difficult living conditions of animals and plants on the Alpine chain. It is also a surprisingly poetic film, because of the touching imagines related to the change of seasons and the soundtrack is captivating as well. The “Best of the Worlds- Life at its Alpine Limits” represents a literal ascent of the soul to reach peace within.

Administrator