11MILA GLI STUDENTI IMPEGNATI NELL'ATTIVITA' DIDATTICA

Svelati i nomi di spicco della Giuria internazionale, si cercano appassionati per quella del pubblico

DAL 12 AL 25 NOVEMBRE, DUE WEEK-END LUNGHI DEDICATI ALLA NATURA

In gara 13 documentari dall'Austria all'India, passando per Russia, Germania, Italia e Francia

Un'occasione unica per spiare la vita dei leoni in Tanzania e quella degli orsi in Kamchatka, di scoprire le 20mila specie diverse di farfalle che popolano la Terra, di conoscere terre selvagge e luoghi sconosciuti, di affrontare gli orrori che si nascondono nei prati, e tanto altro ancora.

Macro Worlds – Meadow of Horror

It is horror! It is murder! Brutal death as well as exciting fights with an exceptional last-minute rescue. If you like thrilling horror movies you will love this documentary. And after seeing it – you will know the creepiest spot is actually the meadow in your neighbourhood. With stylistic devices from the horror genre this extraordinary nature documentary takes you on a journey following a well-known hero with six legs, red wings and seven black dots through a seemingly normal meadow – but full of monsters.

Macro mondi - Il prato degli orrori

Orrori, assassinii, morti violente e combattimenti mozzafiato con salvataggi all’ultimo minuto: se vi piacciono i film horror e i thriller questo documentario fa per voi! E dopo averlo visto saprete che uno dei luoghi più insidiosi è proprio il prato del vostro quartiere! Con lo stile e gli effetti del genere horror il documentario segue il viaggio di un famoso eroe con sei zampe, ali rosse e sette macchioline nere sul dorso, attraverso un prato apparentemente normale, ma pieno di mostri!

Tatra Mountains – Life On the Edge

The Tatra Mountains loom far above the clouds – the smallest high mountain range on earth. Some species have thrived here since the ice age: chamois are well equipped for the harsh climate. Marmots, meanwhile, spend more than half the year asleep. Red deer and bears repopulated the region after the end of the ice age. Since then, they’ve tried to master the various challenges of this mountainous world.

Monti Tatra - La vita al limite

I monti Tatra si innalzano sopra le nuvole, si tratta della più piccola catena di alta montagna del pianeta. Qui alcune specie sono relitti glaciali: i camosci sono ben adattati alla durezza del clima, mentre le marmotte trascorrono in letargo più di metà dell’anno. I cervi e gli orsi ripopolarono la regione dopo la fine dell’era glaciale.  Da allora cercano di fronteggiare le varie sfide di questo mondo di montagne.

Marcita landscapes

In the Ticino Park more than ninety species of birds find refuge in the areas of “marcita”, as well as frogs, butterflies, fish and rare flowers. It is a heritage to be protected with care. Cited in two scrools of 1188 and 1189, the “marcita” is an ancient crop cultivated in Milanese territory. It is a common opinion that the Cistercian monks were the first to practice this specific cultivation, but actually they refined a technique already “invented” by the farmers of the plain.

Paesaggi di Marcita

Più di novanta specie di uccelli del Parco del Ticino trovano rifugio negli ambienti di marcita, così come rane, farfalle, pesci e fiori rari. Un patrimonio da tutelare con cura. La marcita, citata in pergamene del 1188 e 1189, è una coltura antichissima introdotta nel Milanese. È opinione comune che siano stati i Monaci Cistercensi i primi a praticare questa particolare tecnica colturale, in realtà essi affinarono quanto già “inventato” dai contadini della pianura.

Wild Uganda

Uganda is still what travellers consider an ‘insider trip’. Off the tourist map, a place still in the shadows of its past. Visitors, including scientists and conservationists, had a difficult time in the civil war-stricken country. Poaching had endangered many of Uganda’s most iconic animals, including mountain gorillas, savannah elephants, the chimpanzees and even the tree-dwelling lions. But now the national parks have been restored and Uganda’s wildlife is once again thriving. This is a celebration of their survival.

Uganda selvaggia

L’Uganda è ancora considerata una meta per viaggiatori speciali, fuori dagli itinerari turistici, un luogo su cui incombono ancora le ombre del passato. I visitatori, inclusi scienziati e conservazionisti, hanno avuto tempi difficili in questa nazione sconvolta dalla guerra civile. Il bracconaggio ha messo in pericolo molti degli animali simbolo dell’Uganda, inclusi i gorilla di montagna, gli elefanti della savana, gli scimpanzé e persino i leoni arboricoli. Ma ora i Parchi Nazionali sono stati ripristinati e la fauna dell’Uganda prospera ancora.

Pages